Pit stop forzati

On 25 novembre 2007, in Australia, by Dome

Insopportabile. Non ho altre parole per descrivere il nervoso che dei semplici semafori riescono a infondere nel mio animo. Lo so, c’è da ridere ad una affermazione del genere ma mettetevi nei miei panni: ogni giorno devo percorrere non so quanto kilometri per andare a scuola, a lavoro o per farmi un semplice giro turistico e ovviamente mi ritrovo ad attraversare diversi  incroci, anzi troppi incroci. Beh, fatto sta che ad ogni maledetto incrocio devo fermarmi e attendere il verde non so quanti tempo. Ok, sembro particolarmente fuso di testa ma se avete fretta tutti questi stop iniziano a essere un problema. Inoltre gli incroci non sono così piccoli. Calcolate almeno due corsie per direzione e un’altra ancora per i bus in ambo i lati; iniziano a essere distanze da scatto olimpionico se si decide di attraversare senza aspettare che compaia l’omino verde. Per fare un esempio considerate che in una strada lunga un kilometro vi sono in media 15 incroci con relativi semafori e che bisogna aspettare almeno 2 minuti per ciascuno: mezz’ora vi vola solo in stressanti attese! Possibile che i pedoni debbano essere così “maltrattati”? Forse è un problema diffuso perché qua sono tutti maratoneti nel camminare! Io per mantenere la loro velocità devo cominciare a sbracciare e ..a correre praticamente. Corrono camminando.

Related Posts with Thumbnails
Tagged with:  

2 Responses to Pit stop forzati

  1. Cate ha detto:

    Mi raccomando, se proprio devi passare con il rosso, guarda prima a destra e poi a sinistra!!! 😀
    ciao!

  2. Dome ha detto:

    c’hai proprio ragione!! nonostante a terra vi sia critto da che parte guardare (come in inghilterra per capirsi) continuo a fare il contrario, prima sn e poi a dx..prima o poi mi prenderanno sotto visto che qua gli automobilisti non guardano in faccia a nessuno, sono delle saette agli incroci e se attraversi che non è il tuo turno sono cavoli tuoi!! speriamo bene, và..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *