La mia giornata tipo

On 7 dicembre 2007, in Australia, by Dome

Sveglia alle 7e30, colazione veloce e poi cerco di accaparrarmi un pc per leggere le mail e se riesco anche a rispondere ad alcune. Alle 9 sono a scuola e li ci rimango fino alle 15 e come finisce la lezione corro a casa (20 minuti) a prendere la roba per andare a lavoro (altri 30 minuti). Per mezzanotte ho finito e me ne ritorno a casa e dopo mezz’oretta sono a farmi una veloce doccia prima di andare a nanna. La doccia deve essere veloce per il semplice principio che qui ti fanno, giustamente, una testa tanto riguardo all’acqua che è un bene preziosissimo e che tra 30 anni l’australia non ne avrà più abbastanza per soddisfare le abitudini di tutti giorni. Un bel problema!! Torniamo a me: al momento lavoro in due diverse pizzerie e sono così impegnato tutti i santi giorni; in settimana devo mollarne uno perché non è pensabile andare avanti in queste condizioni, non trovo nemmeno il tempo per andare a fare la spesa o fare il bucato.
Per fortuna qui i supermercati chiudono a mezzanotte e taluni fanno pure 24h così le cose di prima necessità riesci sempre a comperarle. In entrambe le pizzerie lavoro con italiani per cui il mio inglese fatica a decollare come vorrei ma non fa niente, vuol dire che mi ci vorrà un po’ più di tempo. Per decidermi in quale locale rimanere ho già una preferenza per il semplice fatto che in uno finisco lavoro prima, mi pagano qual cosina in più, si mangia una buona se non quasi ottima pizza, e non si respira un’aria di tensione come nell’altro dove gli ordini devono essere eseguiti in meno di 15 minuti, bisogna coordinare al secondo l’uscita delle pizze con i piatti della cucina, si utilizza un maledetto forno elettrico e un diabolico mattarello, anch’esso elettrico, per stendere la pasta e poi tante altre cose che preferirei non aggiungere..no dai alcune ve lo posso anche dire: poiché tutto deve essere preparato alla velocità della luce perché gli australiani si innervosiscono se aspettano troppo (almeno questo è quel che dice il manager del locale) le pizze le preparo prima, ovvero le condisco mezz’ora prima a caso (tanto sono 4 le pizze nel menù), magari le cucino prima del tempo e le scaldo quando la cucina è pronta coi loro piatti. Gli ingredienti non sono il massimo per me, forse perché abituato a gusti diversi: la mozzarella qui non sa da niente, il parmigiano è da mettersi le mani nei capelli e poi stendo un velo pietoso per quanto riguarda gli affettati, in particolare il prosciutto crudo! Ma che roba è!?!?!! Della cucina non dico niente ma potete immaginare a quali stratagemmi sono costretti ad utilizzare i cuochi per essere in grado a servire le pietanze in così poco tempo.. giusto per farvi capire la mole di lavoro che bisogna affrontare,  il locale si trova in pieno centro turistico proprio dove ci sono opera house  e harbour bridge e dove si prendono i traghetti per raggiungere altre baie; per cui i turisti non mancano mai, ogni sera ci sono functions, ovvero ci sono cene prenotate, posti a sedere ce ne sono più di 300 ed oltre ad essere sempre pieno a qualsiasi ora è aperto dalla mattina alla notte e tutti i giorni feste comprese, mai un giorno di riposo. Robe da altro mondo! Australiane!

Related Posts with Thumbnails
Tagged with:  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *